L'impatto della luce sull'uomo

L'impatto della luce sull'uomo

La rotazione terrestre è responsabile di due dei fenomeni naturali più regolari e prevedibili che influiscono sull'uomo: l'alternanza quotidiana fra luce e oscurità e la variazione della temperatura ambiente nel corso delle 24 ore.

Ogni organismo vivente si è adattato a queste variazioni nel corso dell'evoluzione, cosa che ovviamente anche l'uomo ha fatto in modo eccellente.

La luce è il miglior "timer" di questa sincronizzazione. Il risultato è un sistema di orologi interni che controlla e guida tutte le variazioni che avvengono quotidianamente all'interno del corpo: l'attività degli organi, la produzione di ormoni, la risposta ai farmaci e persino l'espressione genica.

Questi ritmi circadiani sono sincronizzati l'uno con l'altro in modo che questi, come un caos matematico, garantiscano un processo estremamente regolare e di conseguenza la funzionalità del corpo e della mente.

Il sistema circadiano è formato da molteplici orologi. Ogni singola cellula del corpo è dotata di un proprio elenco di informazioni ripartite nel corso delle 24 ore. Le cellule devono sincronizzarsi le une con le altre per fare la cosa giusta in modo coordinato in un dato momento. La sincronizzazione degli orologi periferici viene attuata mediante un orologio principale ubicato nel nucleo soprachiasmatico (NSC) dell'ipotalamo. Questo orologio principale si sincronizza con l'ambiente esterno ogni giorno mediante timer. In questo contesto, i timer rappresentati da luce e oscurità sono di importanza fondamentale. Gli studi sperimentali sugli animali e sull'uomo hanno dimostrato che l'entità degli effetti biologici della luce è considerevole. Questi risultati aprono una prospettiva completamente nuova, poiché è ormai ovvio che, oltre a consentire all'uomo di vedere, la luce artificiale influenza positivamente o negativamente le prestazioni e la salute umane.

Nel mondo moderno, tuttavia, solo raramente siamo esposti alla luce naturale e il nostro orologio interno perde di efficienza: stanchezza, apatia e, nel peggiore dei casi, depressione, possono esserne la conseguenza. Anche ambienti apparentemente luminosi sono spesso bui da un punto di vista biologico e incapaci di regolare il nostro ritmo circadiano. La luce artificiale biologicamente efficace è in grado di porre rimedio a questo deficit e di stabilizzare il nostro bioritmo.

Modifiche mirate del colore della luce durante il giorno migliorano il nostro benessere e di conseguenza sono in grado di ottimizzare le nostre prestazioni.

LUCTRA® è il primo sistema di illuminazione individuale per il posto di lavoro che utilizza l'effetto biologico della luce. Ogni essere umano ha il proprio bioritmo personale. La nostra routine quotidiana si svolge seguendo questo ritmo e se ci sentiamo bene la nostra performance sarà migliore.